L'Istituzione della Religione cristiana
Giovanni Calvino
~ 1535 ~

 

Al lettore

Prefazione

Libro primoLibro secondoLibro terzo ~ Libro quarto

INDICE

Libro primo
La conoscenza di Dio, il Creatore

  • 1. La conoscenza di Dio e quella di noi stessi sono congiunte, modalità di questa connessione
  • 2. La conoscenza di Dio e il fine a cui essa tende
  • 3. La conoscenza di Dio è naturalmente radicata nello spirito dell'uomo
  • 4. Questa conoscenza è soffocata e corrotta in parte dalla stupidità degli uomini, in parte dalla loro malizia
  • 5. La potenza di Dio rifulge nella creazione e nel costante governo del mondo
  • 6. Per giungere a Dio il Creatore, occorre che la Scrittura ci sia guida e maestra
  • 7. La Scrittura ci deve essere confermata dalla testimonianza dello Spirito Santo, affinché ne temiamo per certa l'autorità: ed è stata un'empietà maledetta affermare che essa è fondata sul giudizio della Chiesa.
  • 8. Le prove recate dalla ragione umana sono sufficienti a rendere la Scrittura indubitabile
  • 9. Alcuni spiriti scervellati abbandonando la scrittura pervertono tutti i principi della religione e svolazzano dietro le proprie fantasie col pretesto di rivelazioni dello Spirito Santo.
  • 10. La Scrittura per combattere ogni superstizione contrappone in modo esclusivo, il vero Dio a tutti gli idoli pagani.
  • 11. Non è lecito attribuire a Dio un aspetto visibile: Chi costruisce immagini si ribella al vero Dio.
  • 12. Dio vuole essere distinto dagli idoli per essere servito in modo esclusivo.
  • 13. Nella Scrittura ci è insegnato che fin dalla Creazione del mondo in una sola essenza divina sono contenute tre persone.
  • 14. Nella creazione del mondo e di tutte le cose la scrittura distingue con segni sicuri il vero Dio da quelli inventati.
  • 15. L'uomo quale è stato creato: trattiamo dell'immagine di Dio, delle facoltà dell'anima, del libero arbitrio e della originaria integrità della sua natura.
  • 16. Dio ha creato il mondo per mezzo della sua potenza, lo governa e lo mantiene con quanto vi è contenuto per mezzo della sua provvidenza onde se ne tragga profitto.
  • 17. Quale sia lo scopo di questa dottrina, onde se ne tragga profitto.
  • 18. Dio si serve dei malvagi e piega i loro cuori ad eseguire i suoi giudizi, rimanendo tuttavia puro da ogni macchia e colpa.

Libro secondo


La conoscenza di Dio come Redentore in Cristo,
prima rivelata ai Padri sotto la Legge e poi a noi nell'Evangelo

  • 1. Per la caduta e la rivolta di Adamo, tutto il genere umano è stato asservito alla maledizione ed è decaduto dalla propria origine; il problema del peccato originale.
  • 2. L'uomo è ora privo del libero arbitrio e miserevolmente soggetto a ogni male
  • 3. Tutto quello che la natura corrotta dell'uomo produce è degno di condanna
  • 4. Dio opera nel cuore umano
  • 5. Gli argomenti portati a difesa del libero arbitrio sono privi di valore
  • 6. L'uomo perduto deve cercare la redenzione in Gesù Cristo
  • 7. La legge non è stata data per vincolare il popolo antico, ma per nutrirne la speranza di salvezza in Gesù Cristo, fino al momento della sua venuta
  • 8. Esposizione della legge morale - Comandamenti -
  • 9 Cristo fu conosciuto dagli ebrei sotto la Legge, ma è stato pienamente rivelato solamente
    dall'Evangelo
  • 10. Similitudine dell'antico e del nuovo Testamento
  • 11. Differenza tra l'antico ed il nuovo Testamento
  • 12. Per compiere l'ufficio di mediatore Gesù Cristo ha dovuto diventare uomo
  • 13. Gesù Cristo ha assunto la reale sostanza della carne umana
  • 14. Le due nature del mediatore formano una Persona unica
  • 15. È essenziale considerare in Gesù Cristo il triplice ufficio di profeta, re e sacerdote per poter comprendere a qual fine il padre lo abbia inviato tra gli uomini
  • 16. In che modo Gesù Cristo ha svolto il suo ufficio di mediatore per acquistarci salvezza: trattiamo della sua morte, della sua resurrezione e della sua ascensione
  • 17. Gesù Cristo ha realmente meritato per noi la grazia di Dio e la salvezza.

Libro terzo
Il modo attraverso il quale riceviamo la grazia di Cristo:
quali benefici ce ne provengono, e quali effetti ne conseguono

  • 1. Le cose dette sin qui di Gesù Cristo ci giovano mediante l'opera segreta dello Spirito Santo.
  • 2. La fede, definizione e problemi ad essa attinenti.
  • 3. Siamo rigenerati per mezzo della fede; Il ravvedimento.
  • 4. Le ciance dei teologi sorbonisti sulla penitenza sono estranee alla purezza dell'evangelo.
    Il problema della confessione e dell'espiazione.
  • 5. Aggiunte fatte dai papisti alle espiazioni: indulgenze e purgatorio.
  • 6. La vita del cristiano e gli argomenti tratti dalla scrittura per esortarci ad essa.
  • 7. Il sommario della vita cristiana: La rinuncia a noi stessi.
  • 8. Il sommario della vita cristiana: la rinuncia a noi stessi.
  • 9. Meditazione sulla vita futura.
  • 10. In che modo dobbiamo usare della vita presente e dei suoi aiuti.
  • 11. La giustificazione mediante la fede: definizione del termine e della cosa
  • 12. Dobbiamo innalzare i nostri spiriti al tribunale di Dio, per esser veramente persuasi della giustificazione gratuita
  • 13. I due elementi da considerare nella giustificazione gratuita

  • 14. Inizio della giustificazione e progressi che ne derivano

  • 15. Tutto quel che si dice per esaltare i meriti distrugge sia la lode di Dio sia la certezza della nostra salvezza

  • 16. Coloro che si sforzano di mettere in cattiva luce questo insegnamento ricorrono, nei loro argomenti, alla calunnia

  • 17. Accordo fra le promesse della legge e dell'evangelo
  • 18. È sbagliato dedurre che siamo giustificati dalle opere per il fatto che Dio promette loro una ricompensa
  • 19. La libertà cristiana
  • 20. La preghiera è il principale esercizio della fede; per mezzo di essa riceviamo quotidianamente i benefici di Dio
  • 21. L'elezione eterna con cui Dio ha predestinato gli uni alla salvezza e gli altri alla dannazione
  • 22. Testimonianze della scrittura che confermano questa dottrina
  • 23. Confutazione delle calunnie con cui, a torto, si è sempre deprezzata questa dottrina
  • 24. L'elezione è confermata dalla vocazione di Dio; al contrario, i reprobi attirano su di sé la giusta perdizione cui sono destinati
  • 25. La risurrezione finale

Libro quarto
I mezzi esteriori e ausili, di cui Dio si serve
per chiamarci a Gesù Cristo suo figlio e mantenerci uniti a lui

  • 1. La vera chiesa con cui dobbiamo mantenerci uniti, in quanto è madre di tutti i credenti
  • 2. Confronto tra la falsa e la vera chiesa
  • 3. I dottori e ministri della chiesa, della loro elezione e del loro ufficio
  • 4. Le condizioni della chiesa antica e della forma di governo in uso prima del papato
  • 5. Come l'antica forma del governo ecclesiastico sia stata annientata dalla tirannide papale
  • 6. Il primato della sede romana
  • 7. Origine e accrescimento del papato fino al predominio attuale: da cui è derivato l'annullamento di ogni libertà e la cancellazione di ogni giustizia
  • 8. Autorità della chiesa nello stabilire articoli di fede è stata sfruttata nel papato in modo da pervertire ogni pura dottrina
  • 9. I concili e la loro autorità
  • 10. La potestà della chiesa nel fare e stabilire leggi: in che modo il papa e i suoi hanno esercitato una crudele e infernale tirannia sulle anime

  • 11. l potere giurisdizionale della chiesa e l'abuso che ne fa il papato

  • 12. La disciplina della chiesa, la cui attuazione consiste principalmente in censure e scomuniche
  • 13. I voti: con quanta superficialità siano pronunciati nel papismo e come le anime ne siano miseramente schiave
  • 14. I sacramenti
  • 15. Il battesimo
  • 16. Il battesimo dei bambini esprime molto bene l'istituzione di Gesù Cristo e la natura del segno
  • 17. La cena di Gesù Cristo ed i frutti da essa recati
  • 18. La messa papale, sacrilegio che non solo ha profanata ma interamente abolita la cena di Gesù Cristo
  • 19. Vera natura delle altre cinque cerimonie falsamente dette sacramenti
  • 20. Il governo civile.